foto da Pexels.com by WikiImages

la Terza Guerra Mondiale

racconto horror - fantasy in quattro puntate

Quarta puntata: Cade il fallout!

rev 1.0.1

foto da storia insabbiata della Lucky Dragon

cosa è il fallout?

fallout primario


La ricaduta del materiale radiattivo nella zona dell'esplosione è denominata fallout primario ed inizia subito dopo pochi minuti dall'esplosione della bomba.

Dal cielo inizia a cadere qualcosa di molto simile alla neve, ma di colore grigiastro, molto leggera ed insapore.

Se mai Vi venisse in mente di gustarla sappiate che non sa di nulla, a detta dei marinai giapponesi della Lucky Dragon che nel 1954, dopo l'esplosione a Bikini della bomba termonucleare USA Castle Bravo, non sapendo cosa fosse l'assaggiarono.

Tra l'altro ricortateVi che i primi materiali a ricadere sono anche i più radioattivi.

Quindi la massima esposizione alle radiazioni l'abbiamo al momento della ricaduta del fallout primario.

Già dopo alcune ore la radioattività praticamente dimezza (a meno che non sia esplosa una bomba al cobalto) e dopo circa 48 ore il livello di radioattività diventa stabile e smette di diminuire per molto tempo.

E' fondamentale, se siamo all'aperto, mettersi sottovento per evitare l'esposizione al fallout.

fallout secondario


Il fallout secdondario è composto dai piccoli detriti e dalle polveri più pesanti.

Si stima che inizia a cadere dopo circa un'ora dall'esplosione.

Essendo trasportato dal vento il fallout secondario può ricadere anche a decine di chilometri dall'esplosione.

Rioordate come il fallout secondario, prodotto dall'esplosione di Cernobyl, arrivò fino in Italia.

E l'Italia dista migliaia di chilometri dall'Ucraina.

Ritornando al nostro rifugio, nel filtro antincendio di un parcheggio interrato, se ha resistito all'esplosione poi ci dovremo stare per almeno due giorni.

Ora meglio capite il perchè del giaccone e della bottiglia d'acqua che consigliavo di avere con Voi.

Un consiglio finale ... se ancora Vi funziona spengete il cellulare per conservare la batteria.

Potrebbe essere la Vostra ultima carica e Vi serve un orologio per misurare il tempo di 48 ore.

foto da storia insabbiata della Lucky Dragon

ed ora arrivano le radiazioni ionizzanti

cosa sono le radiazioni ionizzanti?


Un po' di fisica molto, anzi troppo, semplificata, ma già così è abbastanza difficile.

Le radiazioni ionizzanti sono:

- o particelle come le alfa, le beta ed i neutroni

- od onde elettromagnetiche dotate di elevato contenuto energetico come i raggi X ed i raggi gamma

Sia le onde che le particelle sono in grado di separare gli elettroni dagli atomi, e questa è detta ionizzazione, rompendo i legami atomici del corpo urtato.

La radiazione ionizzante sono pericolose perchè, nel caso di esposizione, modificano la struttura delle cellule e/o molecole organiche.

L'esposizione a livelli crescenti di radiazione ionizzanti comporta prima il danneggiamento delle cellule fino alla loro distruzione.

Le radiazioni ionizzanti in fisica si misurano in "gray" (simbolo Gy) od in Sievert (simbolo Sv).

Il gray è l'unità di misura della dose assorbita di radiazione del sistema internazionale.

Un'esposizione di 1 gray corrisponde a una radiazione che deposita un joule (definito come 1 kg·m²/s²) per chilogrammo di materia, sia questa del tessuto biologico o sia qualsiasi altra cosa organica o meno.

Il Sievert è invece definito come la dose assorbita di qualunque radiazione avente la stessa efficacia biologica di un gray

Nella pratica il Sievert ha sostituito il rem.

1 Sv = 100 rem:

Solo per aumentare la confusione l'efficacia biologica fa si che non ci sia una equivalenza matematica tra Gy e Sv!

- per i raggi ad alta energia come gli X, gamma o beta, abbiamo che 1 Gy di dose assorbita equivale ad 1 Sv di dose equivalente.

- per i raggi alfa 1 Gy è equivalente a 20 Sv.

- per i fasci di neutroni 1 Gy è equivalente ad un range che va da 3 a 11 Sv a seconda dell'energia del fascio

avvelenamento da radiazioni


I primi sintomi all'esposizione (avvelenamento) da radiazioni nucleari (da fallout) si manifestano dopo poche ore dall'esplosione.

La parte di epidermide esposta diventa "molto abbronzata" fino a sembrare quasi scottata, come se si fosse stati a lungo sotto il Sole.

Dopo uno / due giorni, sulle parti del corpo dove si è stati esposti alla polvere nucleare, si formano delle bolle.

Tipicamente sono le mani e la parte alta del torace le zone più a rischio in quanto il fallout entra a contatto del corpo attraverso le camicie aperte sul collo.

Peggio se siamo in Estate e siamo in pantaloni corti o camicie a mezza manica.

In questo caso è presumibile che anche sulle gambe e sui piedi si formeranno le bolle.

Dopo circa una settimana si inizieranno a perdere i capelli.

Dopo due / tre settimane si potrà perdere il sangue dal naso e dalle gengive.

E se le radiazioni assorbite sono state tante anzi troppe (indicativamente sopra i 5 Gy) probabilmente insorgeranno rapidamente tumori che porteranno sempre molto rapidamente alla morte.

La cosa migliore, ma ritengo non sia possibile, è indossare una tuta antiradiazione, toglerla appena si giunge in un luogo sicuro, facendosi una doccia decontaminante.

A meno che non lavorate per un'unità di decontaminazione nucleare, tutto questo sarà praticamente impossibile da realizzarsi.

Possibile è invece avere a casa una, o più, tuta antiradiazioni ed indossarla, ad esempio, se fosse necessario uscire per un qualunque motivo come andare a prendere qualcosa in garage o cercare delle risorse sul territorio.

Quando si rientra però è necessario lavarsi bene, per non portare fallout in casa, e questo lo vedo veramente difficile da farsi sia perchè si spreca della preziosissima acqua e sia perchè tipicamente non abbiamo dove e come farlo.

E se insorgono i sintomi da avvelenamento da radiazioni cosa possiamo fare?

Sinceramente penso poco.

Occrre prevenire il più possibile in quanto dopo, senza più le strutture sanitarie a disposizione, sarà impossibile curare efficacemente gli effetti delle radiazioni.

Tra le poche cose che si possono fare è lavare le parti con scottature o le bolle con sapone neutro, ma come ho già detto non so se avremo acqua da usare.

Io consiglio di avere molta Tachipirina che è in grado di dare un minimo di conforto facendo diminuire l'eventuale dolore presente.

... il cielo divenne tutto nero e calarono le tenebre

foto da Pixabay.com photography by Gerd Altmanna